Gentili clienti,
siete ormai più di 10.000 e altre svariate migliaia che intendono aderire entro dicembre. Non fatevi però prendere dal panico e dall’ansia.

In questi giorni i nostri centralini e le nostre caselle di posta elettronica sono completamente intasate da telefonate e mail che dovrebbero facilmente avere risposta seguendo le istruzioni che sono riportate nel sito.

Come sapete infatti il sito contiene TUTTE MA PROPRIO TUTTE LE RISPOSTE ALLE VOSTRE DOMANDE. Così come contiene un numero di video che vi spiegano anche dalla viva voce del sottoscritto gli aspetti essenziali della vicenda.

C’è anche un video che vi spiega lo stato dei fatti ed un altro che vi guida passo dopo passo alla compilazione della modulistica.

Facciamo settimanalmente una diretta Facebook di un’ ora proprio per rispondere in diretta alle vostre domande!

Avete una pagina sezione del sito chiamata “Sportello Info” che contiene la risposta alle domande più frequenti; il tutto studiato ed elaborato con enorme fatica all’ unico scopo di consentire a TUTTI MA PROPRIO TUTTI di prendere la propria decisione con cognizione di causa e compilare autonomamente la documentazione.

Tutti questi nostri sforzi però risultano vani se molti di voi non leggono quanto scritto sul nostro sito web e/o non vedono i video di cui sopra, ritenendo molto più semplice alzare il telefono e chiedere le informazioni più disparate che in pochi secondi e pochi click troverebbero immediata risposta.

Utilizzando il telefono invece non solo perdete tempo prezioso ma soprattutto non consentite a coloro i quali hanno davvero un caso eccezionale di poter interloquire con lo staff.

Ci sono poi quelli che sono già clienti che telefonano o scrivono mail per sapere se ci sono novità. Noi non possiamo rispondere a queste domande…siete 10.000!!!!

Avete a disposizione un’ Area Riservata su cui giungono in tempo reale le comunicazioni sugli sviluppi della pratica. SE NON CI SONO COMUNICAZIONI VUOL DIRE CHE NON CI SONO NOVITA’! È inutile che voi chiamiate o scriviate per sapere se ci sono novità quando ci saranno vi scriveremo automaticamente.

Per quanto riguarda la tempistica di deposito dei ricorsi un’altra domanda che viene formulata nel 50% delle mail e delle telefonate vi rinvio a quanto da me scritto:

https://www.rimborsopensioni.it/la-tempistica-dei-depositi-dei-ricorsi/

C’è poi un altra classe di pseudo opinionisti avvocati tuttologi che vuole disquisire sulle istruzioni proponendo ipotesi diverse da quelle che risultano sul sito, la più gettonata è: “la raccomandata mi dicono che  va mandata all’ Inps provinciale mentre voi la mandate all’INPS nazionale perché? Che devo fare?

Ma scusate se vi diciamo di mandarla lì, o fate come diciamo noi, o fate il ricorso con quelli che vi convincono che si può fare diversamente, ma non ce lo chiedete perché noi abbiamo già deciso che va fatto così! E basta! Mi sembra di essere allo stadio dove sono tutti allenatori!!!  Qui volete essere tutti avvocati!

Infine c’è la categoria di quelli che vogliono, anzi esigono, perché se non rispondo si arrabbiano, valutazioni di politica sociale e/o di politica del diritto o peggio ancora metagiuridiche che presuppongono sempre una dote di veggenza che devo confessarlo non ho!

La fa da regina la domanda “ma se lo stato non ha una lira come farà a pagarci?”

Scusate ma io a questa domanda che devo rispondere? Vinciamo prima la causa e poi vediamo come farci pagare!

Oppure: “..ma la sentenza 70 è stata deliberata quando in Corte Costituzionale mancava un giudice adesso che è completa come decideranno?”

Ma sono domande che si possono fare?! Sicuramente sono risposte che ( almeno da parte mia ) non si possono dare!

Visto quanto sopra, per evitare che le linee e la casella di posta restino perennemente intasate:

  1. Da oggi non risponderemo più a mail che contengono domande la cui risposta è facilmente ricavabile dal sito e dai video che trovate sempre sul sito;

  2. Non daremo più informazioni telefoniche sulle medesime richieste pregandovi di andare sul sito a trovare la facile risposta;

  3. Non risponderemo più a coloro i quali hanno sentito in giro che la causa andrebbe impostata in modo diverso.

Noi offriamo un servizio serio per persone che si accingono a questa pratica in modo altrettanto serio e rispettoso del nostro lavoro; non è quindi giusto che il comportamento di pochi vada a discapito della serietà di tutti gli altri.

Vi ricordo che L’UNICO MA VERAMENTE L’UNICO atto da completare prima del 31 dicembre 2016 è la spedizione della lettera di costituzione in mora all’ INPS, che ovviamente trovate molto facilmente sul sito ( ribadisco: NON SPEDIAMO LE COPIE DELLA RACCOMANDATA  A CASA. LA RACCOMANDATA SI SCARICA DAL SITO, SI COMPILA , SI STAMPA E SI SPEDISCE)

Tutto il resto potrete farlo con calma dopo, purché prima della udienza davanti alla Corte Costituzionale ( e non mi chiedete quando ci sarà perché ve l’ ho già confessato non sono veggente : ci sarà quando la Corte ce lo comunicherà e noi IMMEDIATAMENTE vi gireremo la comunicazione).

Vi prego davvero di farvi parte diligente e di dedicare pochi minuti a visitare il sito e seguire le facili istruzioni che troverete. E poi sono certo direte:

MA E’ FACILISSIMO!!!!!!!!

Mi vado sempre più convincendo che per una Corte scevra da condizionamenti politici sarà difficile respingere le nostre istanze.

Quindi con noi o con chi vogliate ritenere meritevole della vostra fiducia il consiglio è di darvi da fare.

Saluti a tutti,

Avv. Pietro L. Frisani

Condividi questa pagina:
Share on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someoneShare on Facebook